Linee guida per gli affidamenti a cooperative sociali ai sensi dell’art. 5, comma 1, della legge n. 381/1991


Audizione del 16 maggio 2012



Gli enti pubblici possono stipulare convenzioni con le cd. cooperative sociali di tipo B - art. 5, comma 1, della legge 8 novembre 1991, n. 381 - finalizzate alla fornitura di determinati beni e servizi (diversi da quelli socio-sanitari ed educativi) in deroga alla normativa del Codice dei contratti, purché detti affidamenti siano di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria.

Attesa la rilevanza, anche costituzionale, delle disposizioni in esame, è stato predisposto il documento di consultazione “Linee guida per gli affidamenti a cooperative sociali ai sensi dell’art. 5, comma 1, della legge n. 381/1991”. All’esito della presente consultazione, l’Autorità, sulla base delle osservazioni pervenute, valuterà l’opportunità di adottare linee guida applicative.

I soggetti interessati possono esprimere osservazioni sugli argomenti trattati o segnalare eventuali ulteriori difficoltà applicative inviando all’Autorità i propri contributi mediante la compilazione del modello formato .pdf che, unitamente agli estremi identificativi del mittente, consente l’inserimento di un testo libero fino a 10.000 battute. Il modello potrà essere inviato fino alle ore 14.00 del 15 maggio 2012.

I contributi pervenuti saranno pubblicati sul sito dell’Autorità, in forma non anonima, salvo che vengano evidenziate motivate esigenze di riservatezza.

Documento base

Documento base per la consultazione – formato .pdf 392kb

Contributi pervenuti alla consultazione on line

  1. Pubbliche amministrazioni - .pdf 110 kb
  2. Società cooperative - .pdf 55 kb
  3. Associazioni di categoria - .pdf 108 kb
  4. Privati cittadini - .pdf 91 kb

Osservazioni pervenute dagli operatori di settore:

  • Associazioni di categoria

A.G.C.I. COMPARTO A.G.C.I. SOLIDARIETÀ

A.N.C.I.

Federsolidarietà-Confcooperative

LEGACOOPSOCIALI ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI