ANGEM

Servizi e forniture: programmazione, progettazione ed esecuzione del contratto
Consultazione on line dell'Avcp

 

 

Generale: Angem ritiene essenziale l'emissione di queste linee guida per rendere più efficiente la procedura e ridurre il contenzioso

2) Programmazione: deve essere resa obbligatoria su base triennale anche nelle procedure di appalto di servizi eliminando le approssimazioni che a volte caratterizzano quella annuale, se effettuata. Occorre dare pubblicità alla programmazione non limitandosi ad " Avvisi di Informazione Preliminare" estremamente lacunosi che nulla pubblicano sui tempi di attuazione. La programmazione deve basarsi su una corretta analisi della situazione e conseguentemente degli obiettivi. La programmazione di lungo termine chiarisce la copertura finanziaria.

3) Progettazione : è fondamentale per una corretta esecuzione dei servizi. Angem auspica il coinvolgimento in questa fase dei concorrenti la futura gara in coerenza con la procedura del dialogo tecnico prevista dalla normativa europea ma non recepita pienamente dalla normativa italiana . Le associazioni settoriali , come Angem , possono fornire un valido e specialistico supporto durante la fase della progettazione per rendere i capitolati più aderenti alla realtà operativa e attuativa del servizio.

4) Esecuzione: è utile la identificazione del d.e. al quale devono essere assegnate precise e ben definite responsabilità con conseguenze anche pecuniarie come deterrente per controlli più efficaci. Gli esiti dei controlli dovrebbero essere resi pubblici almeno alle ditte che hanno partecipato alla specifica gara.

4.3.4) Verifiche ex ante sono fondamentali , possibilmente prima della stipula del contratto e devono riguardare eventuali variazioni sullo stato dei luoghi e delle attrezzature messe a disposizione dalla Committenza in particolare nei casi in cui sia decorso molto tempo tra fase di sopralluogo ante gara e l'effettiva esecuzione del servizio. Devono prevedere il contestuale rilascio delle certificazioni di conformità alla normativa vigente.

4.3.1) I servizi di ristorazione collettiva, nonchè quelli di facility management, sono da ritenersi complessi per la loro natura di continuità nelle prestazioni , responsabilità sociale e impatto sulla salute dei cittadini: è importante il punto f) , la soddisfazione del cliente finale a cui legare gli SLA che se non rispettati possono generare penali e ove superati un sistema premiante nella logica del bonus/malus questo nell'interesse diretto dell'Amministrazione e dei consumatori finali. 

5) - immodificabilità - I contratti potranno essere rimodulati solo se intervengono situazioni fortemente modificative rispetto alle condizioni di gara onde evitare rinegoziazioni ingiustificate e illegittime. Ad esempio   per i servizi di ristorazione collettiva e di facility il costo del lavoro è preponderante e crea le maggiori rigidità: ovvero al diminuire dei volumi di produzione previsti in gara non sempre è possibile ridurre proporzionalmente il costo del lavoro  rendendo quindi assai oneroso e difficilmente sopportabile il limite di diminuzione di un quinto previsto dall'importo contrattuale. La rimodulazione è necessaria quando intervengono variazioni che mutano il quadro contrattuale purché ciò non sia ad esclusivo vantaggio di una parte contraente. Inoltre a fronte della richiesta di tagli lineari - spending review - e corrispondente  riduzione dei livelli di servizio previsti contrattualmente o decremento della prestazione richiesta, a compensazione dei costi fissi che l'operatore economico ha sostenuto e non ammortizzato , venga allo stesso offerta l'opportunità di una proroga della durata dell'appalto che consenta il mantenimento del valore del contratto sottoscritto all'origine.

4.4) Penali . L'introduzione di penali diverse dal " ritardo nell'adempimento" non devono creare squilibrio contrattuale tra le parti ; ove si ritenga di introdurre nel testo contrattuale  clausole penali diverse dal "ritardo" le stesse devono essere ben dettagliate , contestualizzate al servizio oggetto dell'appalto tenendo conto delle specificità e complessità dello stesso. Nella ristorazione collettiva e nel facility management gli SLA significativi sono facilmente identificabili e molto specifici per i settori di cui si tratta; è superfluo sottolineare che la complessità dei servizi rispetto alla fornitura di prodotti necessita di dettagli specifici per i quali Angem potrebbe essere di supporto per fornire esperienze sulle realtà operative.  Si reputa che , a fronte di una verifica tempestiva, possa attuarsi , nel reciproco interesse, in alternativa all'applicazione della penale, in alcuni casi la ripetizione del servizio o parte di esso oggetto di contestazione o comunque l'attuazione di attività correttiva e/o compensativa ; in tal modo, ove realmente applicabile , si ottengono due risultati ovvero l'effetto deterrente nel rispetto dei capitolati e la resa del servizio.  6 Modifiche RTI. Angem ritiene che in alcuni casi , da codificare con attenzione, ed a fronte di ripetuti disservizi, per non penalizzare l'intero RTI e/o la sola mandataria, l'Ente possa richiedere la modifica della compagine  purchè il RTI nel suo complesso e così modificato disponga dei requisiti di qualificazione previsti nella documentazione di gara.

Ulteriore rilievo: Angem segnala infine una costante introduzione nei testi contrattuali di clausole risolutive espresse - ex art 1456 CC- spesso formulate in maniera generica ed indeterminata e comunque preordinate per essere azionate a fronte di inadempimenti assolutamente marginali: Angem auspica un intervento regolatorio a riguardo, per evitare inutili contenziosi amministrativi e rischio di gravi conseguenze economiche per fatti spesso irrilevanti e mal definiti.